All’interno della chiesa di S.Maria di Betlem a Modica è possibile visitare il museo omonimo dedicato all’Arciconfraternita Orazione e morte. Un progetto di valorizzazione dei beni culturali realizzato in collaborazione con la Parrocchia di S. Maria di Betlem e l’ufficio dei BB.CC della Diocesi di Noto. Un percorso museale che promuove la storia, l’arte e la fede attraverso aree espositive in cui è possibile visionare documenti inediti dell’archivio della Collegiata, tra cui la pregevole bolla pontificia di Clemente IX, abiti d’epoca e reperti rinvenuti durante le opere di restauro. L’opera della confraternita rivive nelle maestose architetture della Cappella Palatina, una delle poche testimonianze sopravvissute al disastroso terremoto del 1693. Nelle sue ricche decorazioni classicheggianti, nei suoi sontuosi archi gotici rivive la fede e la tenacia di chi, nello spirito della fede, riedificò la chiesa dopo il terribile disastro. La Cappella Palatina ospita la cinquecentesca statua della Madonna di Betlem e in un nicchia la più antica Arca Reliquiario della città di Modica. Attraverso il percorso museale sarà possibile ammirare l’oratorio di Santa Maria di Betlem, un luogo unico nel Val di Noto, ispirato ai grandi oratori palermitani decorati da Giacomo Serpotta. Negli stucchi e nei dipinti del 700′ risplende la gloria della confraternita che trovava nell’oratorio non solo un luogo privato, inaccessibile ai molti, in cui pregare ma anche il centro da cui si organizzava l’attività evangelica dei laici i quali da qui pianificarono i primi rudimenti di ospedali e luoghi di cura della capitale della Contea. Un modo per rivivere luoghi nascosti e poco conosciuti che hanno segnato la storia del Val di Noto.

Orari di apertura dal 1/11/2019

Lunedì          10.00 – 13.00

Martedì          10.00 – 13.00

Mercoledì      10.00 – 13.00

Giovedì          10.00 – 13.00

Venerdì          10.00 – 13.00

Sabato          10.00 – 13.00

Info, prenotazioni e contatti

Email: centrostudicarrafa@gmail.com

Telefono: +39 351 102 4346

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *