I popolani di Modica danno il nome di Fra Cola a una nuvola, che ha una goffa somiglianza con un frate incappucciato, e chè dà indizio di ruinosissima pioggia.

Rici ca Fra Cola era un rumitu c’avia na grutta supra ‘a Giaganta (uno dei colli che sovrasta Modica Bassa). Ora ‘na ‘ota n’ó filu ri vespri rì giugniettu, mentri u càuru caria a piezzi, vinni a bota r’à grutta ‘na póvra fimmina prena, c’a mala pena putìa strasci-niàrisi l’anchi, e cci rissi: o Fra Cola, m’à faciti ‘n’opra ri carità? Ràtimi ‘na stizzidda r’acqua, ca mi pari ca muoru! Fra Cola l’acqua l’avia, ma n’avia picca, e un’ulìa scìnniri sin ó vadduni – Ccu sta sorti ri càuru? Mancu si murìssivu dduocu. –
A pòvra fimmina muriu ravéru, e Fra Cola fu cun-nannatu di stari a menzaria, ‘mmienzu li nuvuli e li tempesti.

Traduzione: Dice che Fra’ Cola era un eremita che aveva una grotta sopra la Giaganda (montagna sovrastante Modica nella zona della chiesa del Carmine). Ora una volta nel pomeriggio di luglio, mentre il caldo cascava a pezzi, venne nelle vicinanze della grotta una povera donna incinta, che a mala pena poteva trascinarsi e gli disse: “O Fra Cola, me la fate un’opera di carità? Datemi una stizza d’acqua che mi sembra di morire”. Fra Cola l’acqua l’aveva, ma ne aveva poca, e non voleva scendere fino al fondo valle. “Con questo gran caldo? Nemmeno se moriste qui!”. morì davvero e fra Cola fu condannato di stare a menz’aria, tra le nuvole e le tempeste.

Narrata da Maria Iacono.

(in foto – Torrente Lavinaro)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *